Home La posta di Adelino Crisi? Da prendere sul serio

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Crisi? Da prendere sul serio
Scritto da Manuela   
Venerdì 09 Marzo 2012 07:56

 

Caro Amistadi, ho notato che hai preso sul serio la crisi che è calata inesorabile sull’Italia e che sta sconvolgendo la nostra vita molto più di quanto si pensasse qualche mese fa. Apprezzo anch’io il governo Monti che se non altro cerca di metterci una pezza per non farci fare la fine della Grecia, ma sulla nuova normativa riguardante le pensioni ho delle forti perplessità. Mandare la gente in pensione sempre più tardi significa non lasciare il posto ai giovani che sono in attesa, era proprio necessaria una norma del genere?

Manuela

Mi sembrano, le sue, considerazioni di buon senso. Anche a me la riforma delle pensioni non è piaciuta poi molto. Devo ammettere che di economia non me ne intendo granchè e faccio fatica a seguire le misure di austerità che il governo Monti sta imponendo ad un paese sull’orlo del baratro. Allora ne ho parlato con un amico che ne capisce molto più di me chiedendogli spiegazioni. “In una corriera piena, per far salire altra gente, bisogna che qualcuno scenda, ma se nessuno scende chi altri potrà salire su quella corriera?” Con questa metafora ho cercato di rendere chiare le mie ragioni: come potremo aspettarci che i giovani trovino lavoro se nessuno andrà più in pensione? E la risposta del mio amico è stata altrettanto chiara: “Guarda che se la corriera rimane senza benzina, non andrà più da nessuna parte e dovranno scendere tutti!” Come a dire: se l’economia nazionale va a rotoli, non ce ne sarà per nessuno, né lavoro, né speranze di ripresa, e saranno guai per tutti. E l’innalzamento dell’età pensionabile è solo uno dei tasselli della manovra finanziaria, e neanche l’unico, di certo uno dei più importanti. Se ci può consolare, nel resto d’Europa, l’età pensionabile è, da tempo, più alta che in Italia, eppure la disoccupazione giovanile è più contenuta che da noi. L’importante è fare in modo che a questa povera corriera chiamata Italia, venga ridata benzina perchè possa tornare a viaggiare, possibilmente a velocità più elevata di quella degli ultimi anni.

Adelino Amistadi