Home La posta di Adelino I partiti non sono più rappresentativi

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

I partiti non sono più rappresentativi
Scritto da Mauro   
Venerdì 09 Marzo 2012 07:53

Egr. Amistadi, come lei spesso scrive, viviamo in un periodi di confusione politica, i partiti sono ormai alla frutta, non si vede niente di nuovo, i recenti congressi del PDL e dell’UPT provinciali hanno dato la misura di come ormai i partiti non siano più rappresentativi, né portatori di istanze e di valori, ma solo di interessi di parte, lei, che ormai ha raggiunto la pace dei sensi e può parlarne con obiettività, che ne dice, condivide?

Mauro

Una premessa: è vero che ormai, estraneo ad ogni attività politica, dedicandomi ad altre cose più confacenti alla mia età ed alla mia indole, posso garantire sobrietà di giudizio, obiettività e ponderatezza, è quello che mi prefiggo in questa mia rubrica, ma che abbia raggiunto la pace dei sensi,  non me l’aveva ancor detto nessuno e lo respingo simpaticamente al mittente.  Per quanto riguarda i partiti, senta questa: “I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e clientela: scarsa e mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi e vaghi, sentimenti e passione zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze ed i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune. La loro stessa struttura organizzativa si è ormai conformata su questo modello, e non sono più organizzazioni di popolo, formazioni che ne promuovono la maturazione civile e l’iniziativa: sono piuttosto federazioni di correnti, di camarille, ciascuna con un “boss” e dei “sottoboss”....” Ehi, vi garantisco che non è roba mia, lo ha detto Enrico Berlinguer prima di morire, e se l’ha detto Lui, c’è da crederci, anche perchè nel frattempo le cose sono peggiorate, e di molto! (a.a)