Home Il Saltaro Intercettazioni semi serie sulle pendici del Bondone

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Intercettazioni semi serie sulle pendici del Bondone
Scritto da Il saltaro   
Mercoledì 20 Aprile 2011 09:51

Il vostro Saltaro non l’avrebbe mai fatto, ma il boccone era troppo ghiotto. Invitato con altri colleghi, siamo calati sui due improvvidi camminatori, il presidente Lorenzo Dellai e il suo scudiero Giorgio Lunelli, consigliere provinciale, e ne abbiamo carpito i segreti. Interessanti e piccanti come la “tara” dell’Abele. Poi ho dato tutto da trascrivere all’Archimede, il dotto, che si scusa. Non conoscendo appieno il dialetto di Trento, può aver commesso qualche errore di comprensione e di trascrizione, ma tutto sommato ha fatto un buon lavoro.

-Dai Giorgio che nem a far do passi...en quel pradesel lì, tel vedi? L’è za fiorì...

-Si, Lorenzo, vegno, speta n’atimo...

-Sempre da spetar con ti...dai, desmisiete ‘na volta tant, ma cossa fat lì, Giorgio?

-Ma, vardo se ghe margherite, te sai che l’è el me fior preferito...la voi bela e en po’ diversa.....ehi...Lorenzo, ho trovà ‘na mrgheritina con dele sfumade rosse...che bella!

-Lasa star el rosso che no l’è pu de moda...vedi se ghe qualcos che tira...miga all’azzurro, per amor de Dio, ma en titinin celestina, no ghela? Varda ben!

-Ma po sa fente con sta margherita? Zerto, Lorenzo, che aven fatt na monada a enserar su el nos Partito, la Margherita, per metter ensema l’UpT...sem sparidi, i trentini no i  sa neanca che ghe sem!

-Per forza, benedeto, con ometi come voi...ma si, alora ne serviva en comitato per le elezion del 2008, na roba eletorale che l’è servida, ensoma, no le nada proprio come voleven, ma l’è servida...

-E adess penset che la nova Margherita la poda far meio?

-Zerto, zerto che la pol far meio, la zent, sat, alla zente basta contarghela su en pochetim e la ritorna, mi son sicur!

-Ti, Lorenzo, te sei no specialista nel vender ciacere...

-Me par che te sia en po’ sfrontato, stamattina, Giorgio... questo el se ciama “ goveno dei teritorio”,  en po’ de fatti, en po’ de ciacere, quando ghera soldi faseven anche qualche fatto, adess che soldi no ghe ne pù, fen sol ciacere, ma la zent l’è contenta lo stess, perchè la spera ch en dì o l’altro se faga anca i fatti! Alle ciacere basta ciamarghe sogni, così la zent la se emoziona e l’è sodisfatta...

-Ma cossa vot che la sogna che no la dorme gnanca per le preocupazion, te sai che tanti iè senza lavoro... le robe le va mal...

-Varda, Giorgio. che la zent no la dorme sol perchè la va a dormir tesa, sgionfa...no, no, i sogni i fa sempre effetto...entant coi me sogni, mi son ancora qua...

-Ancor per poc, però...

-Speta, ghe n’è ancor del temp, se no sarò qua, sarò en de n’altra parte, ma a Trent comanderò sempre mi, sta sicuro...

-Son ben content...ehi...Lorenzo, varda, varda, che bela, ghe n’ape sora ‘na margherita...che meraviglia, ghe fago la foto perchè la pol esser el nos novo simbolo del partito...

-Lasa star le api, per amor del Signor, schizela e butala via, ghe n’ho pien le aze de api e de quel Rutello, che l’è en teron che nol capiss gnente... go mandà, adess, anca el senator Molinari, almen el ghe da na man a desfar tut, a butar tut per aria, così  men libero senza tante bale!

-No te par chel sia sta en po’ furbo el senator Molinari, l’era un dei pù scaldadi per il PD...e adess el le ha moladi...ghe soto qualcos...san diset?

-Eh, l’è furbeto l’om, ambizioso, l’ha vist che el Pinter el ghe portava via el posto, quel Pinter lì, quando el se mete el te magna, e così l’è na via, adess el vede en do meterse, no l’è bon de star fermo!

-Vot che el pensa alla Provincia, che el voia el to posto, Lorenzo?

-Eh, si, si, pol darse, soto, soto...

-Ma ti te voi proprio nar via?

-Sa faga? Nar a Roma? Ma lazò comanderà ancora per dese anni el Berlusca, vaga zo a far el porta borse? Mi no l’ho mai fat a nessuni, neanche al Kessler, che l’è sta el me  presidente...quasi, quasi me cambio la lege e resto qua...no saria miga el primo che lo fa...no voria far la fin del vecio Kessler!

- Ma sat  quanti ghe n’è che aspetta che te vaga via per ciapar el to posto? Schelfi, per esempio, podel nar ben?

-Si, si, Schelfi l’è pu largo che longo, ma el ga testa l’om... certo che la Cooperazion no l’è nel periodo migliore, tra cantine, casei, e famiglie coperative, ghe en po’ de casin... ma l’omo l’è bravo...

-El meio el Pacher, el to vice?

-Per amor de Dio, quel l’è en po’ come ti, gavè sempre la testa per aria, se endromenzi tuto l’an... dove volè nar? Certe volte perchè el me segua, me toca spizegarlo, el mando en giro, e me toca tor la gru per moverlo, elo el staria sempre in ufficio,va a capirlo! Voi se zent en pò comoda, en po’ persa, cossa volè far? El ghe narà ben ai soi compagni del PD cosi el farà quel che i ghe dis de far... sarà bravo e anca fedele, ma no lè da presidente, per piazer!

-E... el Gilmozzi?

-El Mauro? Ma si, l’è ben bravo e anca obediente, el fa le robe fate ben, gaven dat en casin de soldi, ma no l’è bon de darli fora...dai...dagheli sti soldi ai comuni che iè li che i speta...mi ghe voi ben al Mauro, ghe dago ben na man, ma bisogna che el se daga da far...

-Ghe saria anca el Grisenti che el voria rientrar...

-Il Silvano, l’è meio che el staga en do che l’è...capisso che el vol rientrar, ma la ben vist come che la va...quando se alza masa la cresta ghe sempre qualcheduni che tela zonca, ti cosa en diset?

-A mi, el me fa paura, lu, en do che va, el vol comandar, e a mi el ma za comandà anca massa... che  staga for dale bale!

-Ma Giorgio, per forza che l’è cativo con ti,  te l’hai ciavà, due o tre volte...no te te ricordi?  El Silvano l’è meio che staga fermo, nol sa gnanca en do nar, el podria vignir con noi, ma gavè tuti paura, e nesun lo vol, da altre bande nol ghe vede ciar, farse su n’altro partito, beh, lu no l’è mi, nol ga miga el me carisma...en po’ de paura el me la fa anca ami, te sai, quel no l’è che te poi controllarlo...

-Ma el Grisenti el par che abbia tuti i Sindaci dala sua...

-Ma si, tuti i Sindaci dala sua!...ai Sindaci, recordate, non ghe ne frega niente dei partiti, ai sindaci ghe enteresa ciapar soldi, e i sta sempre con quei che comanda, iè fati così i Sindaci, i fa gli interessi dei soi paesi,  lori i varda chi che mena i soldi, questa l’è la so’ poltica, e noi dovem seguirli, se volem ciapar i voti. Cosa credet che li avente ciapadi perchè sem bela zent? Li avem ciapadi perchè l’è vent’ani che fen quel che volem,.. qualche lira per darghe na man ai nosi, l’era sempre a disposizion...

-En Giudicarie el par che i Sindaci i sia abastanza encazadi, te hai fat qualche intervento en po’ balordo...che no se capiss ...oltre tut, i ghe dentro rabidi per quella storia li della riduzion dei distreti sanitari, e m’ha enformà el to giannizzero...

-N’altro che l’è meio che el tasa... ma cossa el che i vol sti giudicariesi... go empienì Campiglio de soldi, gaven lasà anca l’ospedal, coss’el che i vol de pu?

-Ma Campiglio no l’è le Giudicarie, a dir la verità, e l’ospedal...no l’è miga tuo, no, Lorenzo, sa diset? Te sei esagerà!

- Lasa star, Campiglio l’è l’unica roba che ga valor dentro lì, per el rest iè quattro paesoti con quattro galleti che i voria comandar anca a noi, ma i fa solo confusion e basta..., tranquillo, te toghi via Pinzolo e Campiglio, e resta ben poca roba...ma si, qualcoss for per el Bleggio, e zo a Storo , per el rest l’è meio enserar su...

-Però, te sei ben furbo! Te sei grande! Ma ghe anca quei che parla mal de ti, sat, zent invidiosa, pu che altro... i dis ad esempio che te sei cinico..., vara che mi no centro!

-Ma si le le solite donete...te sai, o no, che per raggiungere il fine bisogna dar zo pache a chi che i se le merita...hat mai lezù el machiavello?...no bisogna vardar en facia nessuni, questo l’è che bisogna far...en politica! Ancha perchè mi son na spana sora tutti, cossa vot che faga!

-Ma noi sem catolici...

-Ma cosa zentra sta roba, varda che i catolici quando i se mete iè pegio de ialtri, no la vedet la Rosj Bindi, l’è ben catolica e anca vergine, la dis ela,  ma en politica l’è cativa come l’orco... i catolici l’è roba da elezion...

-Si, ameto, ma zerte volte te gai entorno de quella zent...ghe n’è sta qualchedun che el faseva empresion!

-Cossa centra, varda el Signor, el gaveva intorno pescadori, embriagoni, ruffiani, esattori, faccendieri, anca puttane...en politica occor semper qualche bandito a disposizion, basta tignirlo al guinzaglio! L’è meio che cambiente discorso, me par de essere soto process

-Ti process? Ma chi te toca ti, no te sei miga el Malossini!

-Bon, va la, tornem en drio prima che men rabia...ma sta margherita l’hat trovada?

-No, le è tute uguali e en po’ paside, no so cossa far!

- Dai che l’è lo stess, vignerem n’altra volta, pu avanti con la stagion. No disevet  proprio ti che basta lo spirito della Margherita per nar avanti? Dai, dai, pestaghe su e vei con mi, nem a casa e con en par de cicheti de Wiski de quel bon, recuperem lo spirito, altro che storie, quel l’è lo spirito giusto...

-Ma mi no bevo!

-Eco, vedet, l’è per quel che te sei sempre cola testa per aria. En dì o l’atro te te ‘nzuchi!

Tronfio per l’insperato auscultamento me ne sono venuto in Giudicarie evitando le rocce solenni che ci fanno da custodi, passata la “scaletta”, si spaccò all’improvviso il cielo, e feroce come poche volte, sentii il Sommo Padre urlare: “Fermati ribaldo, butta via quella roba, non si fanno quelle cose al mio Presidente prediletto,  figlio d’un cane...io ti scomunico!” Prendendo il coraggio a due mani urlai a mia volta verso il cielo: “Figlio di un cane? Io sono figlio vostro, o sommo Padre! Chiedo perdono...”. E tornai alla mia sede relegato nell’infima glaciale nuvoletta sopra l’Adamello, desolato e scomunicato. Poi mi fecero visita lo Spirito di lassù ed il divin Figliolo , solidali: “ Non ti preoccupare, noi siamo con te, anche la scomunica non vale se non è da noi controfirmata, stai sereno, continua così!”.  E il vostro Saltaro è così ancora una volta sopravvissuto e vi da appuntamento alla prossima!