Home Spazio Aperto Cari sindaci, forse vi sbagliate... di grosso!

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Cari sindaci, forse vi sbagliate... di grosso!
Scritto da Michele D.   
Domenica 27 Febbraio 2011 10:31

Sicurezza, la gente è più preoccupata di quanto lo siano gli amministratori
Mi sono trasferito oramai da 20 anni da Milano (dove ero nato) a Tione di Trento. Pensavo e fino a qualche anno fa ero convinto di aver fatto la scelta giusta, di aver migliorato la qualità della mia vita e della mia famiglia. Non è più così! Non lo penso più!
Molte cose qui funzionano bene, è vero, ma molte altre no. Purtroppo non siamo più i primi della classe. Problemi enormi di viabilità, per esempio. Provate da Tione ad andare a Brescia, in certi tratti sembra di percorrere un sentiero di montagna dalla quantità di buche che ci sono. Volete invece fare una bella escursione di mountain bike? Provate a prendere la nuova ciclabile che parte dall’ufficio turistico di Cologna in direzione Storo per andare al Lago d’Idro; impossibile arrivarci senza andare ancora sulla statale con i camion che vi sorpassano “accarezzandovi” la schiena. Ma quanti anni ci ha lavorato l’ex-comprensorio sulle piste ciclabili? Tanti....
Purtroppo il problema più grave oggi, quello che la gente sente di più è però la sicurezza. Se provate a chiedere ai Giudicariesi se si sentono al sicuro nelle loro case tramontato il sole, per il 99% molto probabilmente risponderebbero di no.
Fino ad una decina di anni fa, se ti dimenticavi di notte le chiavi nella macchina parcheggiata sotto casa, la mattina trovavi la macchina, le tue chiavi e anche il portafoglio così come lo avevi lasciato sul sedile. Adesso l’auto te la rubano di sera chiusa nel garage di casa!(è successo a Breguzzo i primi giorni di gennaio). I furti in casa hanno una frequenza quasi giornaliera, a tutte le ore del giorno, come della notte, con la presenza di persone in casa che dormono o di bambini che giocano. La domanda è? Cosa succederà di questo passo?
Dovremo tirar su attorno alle nostre case cancellate con sbarre di ferro tipo prigione come in molte città sudamericane? Dovremo armarci tutti e tenere un’arma in casa come in America? Dovremmo dotare le nostre case con sistemi di allarme sempre più sofisticati?
E le forze dell’ordine? Polizia, carabinieri, polizia locale? Dove sono quando servono veramente? Anni fa se da Tione decidevi di andare a Pinzolo, potevi stare sicuro che a Darè trovavi il posto di blocco dei carabinieri; tutte le notti!
Posti di blocco??? Si fa per dire. Andate negli Usa a vedere che cos’è un posto di blocco. Una bella gola stretta, un ponte, macchine della polizia da entrambe le parti, velocità a passo d’uomo e tutte le auto controllate anche da fuori. L’auto sospetta di ferma. Questa si chiama prevenzione sul territorio!In Italia e anche nel nostro bel Trentino le stazioni dei carabinieri si riducono, si chiudono. Si dice per problemi di soldi. Ma allora perché non riducono anche i politici? Sai che risparmio!
In compenso adesso c’è la polizia locale. Serve anche di giorno, certo, con certi pazzi che girano sulle strade e tutti incollati al cellulare serve eccome. Ma di notte? Di notte no, perché i nostri cari Sindaci non vogliono che girino armati. Non ci siamo proprio, per niente.
La gente pensa invece che se nella zona delle Giudicarie ci fosse una pattuglia della Polizia locale che gira tutta la notte e controlla il territorio, sarebbe sicuramente un buon deterrente. Almeno ci si può provare! Concludo con una battuta. Spero che i nostri cari sindaci, il nostro nel Presidente della nuova Comunità si decidano a fare qualcosa prima che i ladri facciano visita a ognuno di loro, nelle loro belle case, nel mezzo della notte.
Michele D. – Tione di Trento