Home Primo Piano Marini (artigiani) “Strategici i collegamenti stradali con Trento e Brescia”

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Marini (artigiani) “Strategici i collegamenti stradali con Trento e Brescia”
Scritto da r.b.   
Sabato 05 Febbraio 2011 22:30

Marini (artigiani) “Strategici i collegamenti stradali con Trento e Brescia”. “L’isolamento è un freno per la nostra economia”
Narciso Marini, presidente dell’Associazione artigiani delle Giudicarie.

 

Allora Marini, qual è la posizione di voi artigiani su progetto Metroland?
L’associazione artigiani ha già avuto modo di esprimersi più volte sull’argomento, spiegando come Metroland rappresenti senza dubbio un progetto sulla carta molto interessante e all’avanguardia che testimonia lungimiranza. Le perplessità nascono piuttosto sulla sostenibilità economica nel medio periodo di questa struttura, visto che, secondo noi, non vi sono abbastanza numeri di utenza e poi sulle effettive ricadute economiche per il territorio e per le aziende che sul territorio producono.

Come giudica la viabilità giudicariese attuale?
Ora viaggiamo su strade che in alcuni tratti sono davvero molto lacunose, penso ai collegamenti della nostra valle verso Trento e verso Brescia, ad esempio. E’ chiaro che per gli artigiani e le industrie locali l’isolamento rappresenta una grossa problematica.

Neanche la variante di ponte Re, finalmente ultimata, ha migliorato le cose?
Certamente quello è stato un bel “colpo” e ha permesso dei miglioramenti che sono visibili, certo resta ancora il tratto da Ponte Caffaro a Vestone sul quale vanno fatti interventi importanti per aprire davvero un collegamento efficiente con l’economia lombarda.

Potesse scegliere, quali opere farebbe “subito”?
In primis curerei il collegamento con Trento, che nel tratto Ponte Pià-Ponte dei Servi è drammatico. Il massimo sarebbe  quel famoso tunnel che porta da Ponte Arche a Sarche, ventilato in passato e poi archiviato per timore di deviare le acque termali. Poi certamente per la zona del Chiese (ma anche per il turismo della Rendena) la già citata viabilità verso Brescia, mentre invece dal punto di vista turistico ritengo che la variante di Pinzolo sia importantissima. (r.b.)