Home Economia Un nuovo presidente per la “La Cassa Rurale”

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Un nuovo presidente per la “La Cassa Rurale”
Scritto da Administrator   
Domenica 17 Maggio 2009 22:03

Per la Cr Giudicarie, Valsabbia, Paganella si è conclusa l’epoca di Renato Beltrami
Un nuovo presidente  per la  “La Cassa Rurale”

Renato Beltrami e Renzo Contrini, rispettivamente presidente e vicepresidente della Cassa Rurale Giudicarie- Valsabbia-Paganella ed artefici, nel 2003, della fusione tra la Cr Darzo-Lodrone e la consorella Giudicarie-Paganella hanno concluso il loro operato preferendo non più ricandidarsi. Di fronte al cambiamento dei massimi vertici della banca di credito cooperativo, la compagine sociale (1581 i presenti riuniti in parte a Darzo e in parte ad Andalo e collegati in videoconferenza), nell’assemblea del 9 maggio, ha preferito la continuità, confermando, di fatto, i consiglieri uscenti e ricandidati e dimostrandosi restia ad ulteriori rinnovi.

Bruno Martinelli (908 voti), è il nuovo presidente e Giuliano Beltrami (1131) il suo vice. Per la zona di Bleggio, Lomaso e Stenico sono stati eletti anche Rino Rocca (838),  riconfermato, e Luca Martinelli, giovane e nuovo candidato che di preferenze ne ha ricevute ben 979. Per la zona del Banale sono stati riconfermati Alfonso Baldessari (976) ed Elio Bosetti (947), mentre per l’area Paganella-Rotaliana Aldo Tonidandel (931) a fianco della “new entry” Donato Giordani (1400), imprenditore del settore turistico risultato il consigliere più votato di tutti. Passando a sud, per l’elezione del candidato di Storo e dei paesi limitrofi c’è stato un tentativo di rinnovo rappresentato dalle candidature femminili della ventiseienne Paola Pasi e di Graziella Masserdoni, alle quali l’assemblea ha tuttavia preferito Andrea Armanini (902), già consigliere nel precedente triennio. Con la rielezioni di Aldo Armani (767), la tradizione ha prevalso sull’innovazione anche a Lodrone, in rappresentanza del quale si era pure proposto Giampaolo Zanetti. Altre riconferme per Darzo con Giuliano Beltrami (1131), per Ponte Caffaro con Mauro Ghezzi (1178), per il Lago d’Idro con Alberto Novelli, per Vestone con Ivano Vaglia e per l’area bresciana della Conca d’Oro con Giuseppe Formenti (1141). Il collegio sindacale risulta invece composto da: Gianlorenzo Richiedei (presidente, 1471), Sergio Toscana (sindaco effettivo per l’area nord, 1140 voti) e Francesco Leali (per la zona sud, 802 voti).
Il bilancio, che registra un utile di esercizio di 3 milioni e 609 mila euro, è stato approvato all’unanimità. Via libera anche per le modifiche statutarie che, in direzione di una maggiore valorizzazione del territorio e dei soci, saranno approvate da una successiva assemblea straordinaria fissata il prossimo autunno.